Il Cenacolo di Leonardo da Vinci

Lavoriamo entrambi in piazza Cadorna e da ormai diverso tempo eppure ci siamo spesso dimenticati di una delle opere più belle che il Mondo abbia mai visto e che, guarda caso, sta a due passi delle nostre sedi di lavoro. Non serve il titolo del post per capire che stiamo parlando del Cenacolo di Leonardo Da Vinci. Questa mattina, di buon ora, siamo andati ad ammirare un’opera che non può essere descritta facilmente, abituati come siamo ad averla già vista tante volte. Come succede con la Gioconda (sempre di Leonardo guarda caso) si è convinti di conoscere un’opera già così bene che quando la si avrà davanti l’emozione non sarà così forte…E invece no. L’emozione davanti a tanta bellezza e complessità non vi lascerà per niente indifferenti.

Cenacolo Vinciano

Procediamo con ordine per darvi qualche info utile per la visita: come molti di voi già sapranno occorre prenotare la propria visita e farlo con largo anticipo guardando le date disponibili sul sito qui. Informazioni ulteriori da sapere:
1. La prenotazione deve essere richiesta con almeno 7 giorni di anticipo.
2. Per tutelare il capolavoro sono ammessi gruppi di 25 persone ogni quindici minuti
3. Una volta confermate le prenotazioni non sono modificabili o cancellabili

Quanto costa la visita al Cenacolo?

INTERO: Euro 10,00 (+ Euro 2,00 per il diritto di prenotazione)

RIDOTTO: Euro 5,00 (+ Euro 2,00 per il diritto di prenotazione)

  • cittadini dell’Unione Europea e dello SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera) di età compresa tra i 18 ed i 25 anni;
  • docenti delle scuole statali dell’Unione Europea e dello SEE con incarico a tempo indeterminato.

GRATUITO: Euro 0,00 (+ Euro 2,00 per il diritto di prenotazione)

  • visitatori di età inferiore a 18 anni;
  • membri I.C.O.M. (International Council of Museums);
  • personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali;
  • ai cittadini dell ‘Unione europea portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria (Decreto Ministeriale n. 239 del 20 aprile 2006);
  • studenti della scuola secondaria di secondo grado in possesso della Carta dello Studente;
  • docenti e studenti cittadini dell’Unione Europea delle facoltà di architettura, di conservazione dei beni culturali, di scienze della formazione e dei corsi di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico artistico delle facoltà di lettere e filosofia;
  • docenti e studenti delle accademie di belle arti dell’Unione Europea;
    allievi dell’Istituto Centrale per il Restauro, dell’Opificio delle Pietre Dure, della Scuola per il Restauro del Mosaico;
  • giornalisti (è obbligatoria l’esibizione di idoneo documento comprovante l’attività professionale svolta).
  • cittadini dell’Unione Europea portatori di handicap accompagnati da un familiare o da un assistente socio-sanitario;
  • operatori di associazioni di volontariato che svolgano attività di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali (in base a convenzioni stipulate col Ministero – art. 12, comma 8 del Codice);

Gratuito: Euro 0,00 (senza diritto di prenotazione)

Ingressi prenotabili solo attraverso il CALL CENTER

  • gruppi di studenti delle scuole pubbliche e private dell’Unione Europea, accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione e contestuale acquisto di servizi, quali per esempio audioguide o visite guidate. Per scolaresche che non acquisteranno altri servizi sarà richiesto il pagamento di un diritto di prenotazione pari a 5Euro indipendentemente dal numero di persone appartenenti al gruppo.
  • Le guide turistiche dell’Unione Europea, nell’esercizio della propria attività professionale, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità, entrano gratuitamente ma devono comunque effettuare la prenotazione del biglietti di ingresso tramite il Call Center per questioni di capienza della struttura;
  • interpreti turistici dell’Unione Europea quando occorra la loro opera a fianco della guida.

Vi suggeriamo amici di Milano di farci almeno una volta una “capatina” perché ne vale davvero la pena. Inutile dilungarsi sulla bellezza del capolavoro di Leonardo che non ha di certo bisogno dei nostri pareri per essere consacrato, sappiate però che nella stanza in cui si può ammirare il Cenacolo c’è un altro dipinto (che in pochi conoscono) che mostra la crocifissione di Gesù. Quando sarete in attesa di entrare (vi consigliamo di recarvi in biglietteria almeno 20 minuti prima dell’orario in cui dovrete entrare e di entrare poi nell’entrata posta vicino alla chiesta almeno 10 minuti prima) leggete tutto ciò che questo capolavoro ha passato negli anni, vi meravigliete e sarete grati di aver avuto l’occasione di vedere un’opera così che è riuscita a sopravvivere non solo al passare degli anni ma anche delle guerre…
Cenacolo Vinciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *